Materiali sul Mezzogiorno d'Italia

 


 

11 maggio 1860

garibaldi sbarca in sicilia

 

'A nuttata scura re' l'abboriggeni penisulari
se squarciò lucente coi cervielli migliori giunti
di auti popoli migranti re lu munno sconosciuto
e Italia non dai romani il nome fu
ma bensì dagli Osco Sanniti che loro aggiogorno
come li etruschi e li greci e i siculi
che fu patria luminare centrale re lu mare
di tutti i popoli de la terra conosciuta d'allora
Archimiede, Pitatgora e altri ancora
illuminarono e fecero belle le genti
ca nuje c'avimme avute pure masaniello
ca' a' memoria sua appicciò pure 'lu ffuoche
ca 'no secolo ruoppe 'ncendiò lo munno 'ntero
senza parlà pure de tutti l'altri rivoluzzionari
aimme fatta proprete 'na fine 'ngloriosa
simme comandate mò ancora peggio che comme a 'na vota
e la colpa è sulamente nostra
ca aimme dato retta
senza opporre o sanghe nuoste
prima a li strunze de casa nostra
come facemmo appriesso
- ma troppo tardi pe' i troppi tradimenti -
contro a l'invasore Cavour, Savoia e Garibaldi
che del trio era lo 'chiù pupazzo
senza scurdarce che i denari spuorchi re sango
li presero dalli stessi banchieri finanzieri stranieri
che pure a lu Re nuoste davano prestito a usura
e 'na vota conquistato lo regno
trasferirono il pecunio dove già l'avevano
e accussì c'hanno fottuti
e sparsi pe' lu munno
pure al soldo dell'inglisi e ammericani
ce simme scannati tra fratelli  
a ffa la guerra tra nordisti e sudisti
pure nello nuovo munno
mentre nella perduta Patria
agonizzava nella stretta tirannica mortale
l'urtima espressione de libertà nosta
chiamati ancora mò dai liberticida rivoluzionari:
"i Briganti".

 

Angelo M. Maiorano