Materiali sul Mezzogiorno d'Italia


Senso di inferiorità

 


 

(1867 - Carlo Filangieri in Luigi Barzini, Gli italiani, Mondadori, Milano, 1978)

-  "Lasciò al figlio queste terribili parole : 'Credimi : per chiunque ha un po' di onore e un po' di sangue nelle vene, è una grande calamità nascere napoletani'. Per 'napoletano' intendeva un suddito del re di Napoli." (p. 207)

 

(1945 - Carlo Levi,  Cristo si è fermato ad Eboli, Mondadori, Milano, 1969)

-  "'Noi non siamo cristiani - essi dicono, - Cristo si è fermato ad Eboli - . Cristiano vuol dire - nel loro linguaggio, uomo : e la frase proverbiale che ho sentito tante volte ripetere nelle loro bocche non è forse nulla più che l'espressione di uno sconsolato complesso di inferiorità." (p. 15)

-  "La Sconsolatezza di O. che era quella di tutti i meridionali che pensano con serietà ai problemi del loro paese, derivava, come in tutti, da un radicale complesso di inferiorità. Per questo può forse dirsi che è impossibile ad essi capire completamente la loro terra e i suoi problemi, poiché partono, senza avvedersene, da un confronto che non dovrebbe essere fatto, tutt'al più, se non dopo. Se si considera la civiltà contadina una civiltà inferiore, tutto diventa sentimento di impotenza o spirito di rivendicazione : e impotenza e rivendicazione non hanno mai creato nulla di vivo." (p. 158)

-  "... quella rete di ragno dell'abitudine, dell'impunità e della rassegnazione." (p. 164)